sito pagina interna- PHANTOM corso di teatro sblocco5.jpg
PHANTOM| spettri schermi avatar e altri sogni
 

Corso di teatro base 2022/23 dal 5 ottobre

Alcuni popoli immaginano i loro morti come un esercito in lotta. I Celti scozzesi li indicavano con una parola: sluagh, "moltitudine di spiriti". L’esercito dei morti vola in grandi nuvole, come gli storni, sopra la terra. La sua voce era gharm "urlo" , e sluagh-ghairm era "il grido di battaglia dei morti". Brividi lontani, pensiamo. Oggi da quella parola ne deriva un'altra: SLOGAN. Il grido pubblicitario e di guerra delle masse moderne.  La società consumistica associa la voce e le emozioni della gente a urla di spettri erranti. C'è materia sufficiente per terrorizzarsi. Pubblicità, potere e massa, schermi infestati e misteri televisivi. Chi avrebbe mai pensato che i fantasmi abitano tutti i giorni TV e pc e, anzi, di questi sono l’anima? La dimensione spettrale si trova di casa nell'epoca post-moderna. E a proposito di case, capitalismo e post-moderno: Stati Uniti, Winchester House. Ancora visitabile, monumento ai fantasmi e degna dell’ospedale che Lars von Trier immaginò nella serie tv The Kingdom, eretta dalla nuora dell'uomo che inventò il fucile a ripetizione. Tutta l'immensa eredità fu destinata a costruire un edificio folle, per scongiurare i tormenti della donna nei confronti dei tanti uomini uccisi con l’arma da cui proveniva il suo patrimonio: una casa abnorme e angosciosa (scale cieche, porte che si aprono su muri bianchi, labirinti) la cui costruzione andò avanti per 36 anni. Gli spettri vollero che la vedova dilapidasse 20milioni di dollari: dietro il gotico si nascondono i fucilati del sogno americano. Solo un sentiero, e anche abbastanza breve, separa la casetta di Hansel e Gretel dall’Overlook Hotel descritto da Kubrick in Shining. Solo un sentiero, e anche abbastanza breve, separa gli zombie da Instagram, e i fantasmi dai fascismi.

 

Esiodo e Ghostbusters, femministe medianiche e dottori in tranche, brividi francesi prerivoluzionari e tavolini parlanti di Victor Hugo, apparizioni di guerra e poltergeist tedeschi, fatti di cronaca napoletani e Questi Fantasmi! di Eduardo De Filippo. Un corso di teatro che ripercorre in modo originale e creativo - attraverso recitazione e scrittura - il successo delle Presenze dalla letteratura al teatro, dal cinema alla tv, dagli specchi agli avatar virtuali.

LIVELLO OPEN-BASIC Il corso è rivolto a tutti e non ha requisiti di accesso. Dal punto di vista didattico fornisce le basi tecniche essenziali alla recitazione. E' consigliato a chi non ha esperienza teatrale o desidera un approccio più leggero alla disciplina

Docenti: Stefano Moretti 

QUANDO?

da MERCOLEDI 5 OTTOBRE ogni mercoledì

ore 19.00/21.00 

da ottobre 2022 a giugno 2023

spettacolo finale: giugno 2023

DOVE?

VIA GUIDO ZUCCHINI 11/A, BOLOGNA (Porta Mascarella)

presso Sede di (S)BLOCCO5

 

COSTO?

60 euro mensili

+ Tessera AICS (10 euro annuali) in caso non si fosse già provvisti

 

LEZIONE DI PROVA: COSTO 15 EURO

La prima lezione è di prova e non impegnativa (al termine della lezione è possibile stabilire se proseguire il primo mese di percorso saldando la parte rimanente della quota mensile)

INFO E PRENOTAZIONI La prenotazione alla lezione di prova è obbligatoria 

 

E' possibile scrivere ai seguenti recapiti, indicando nome, cognome e un numero di telefono:

mail:  sblocco5.segreteria@gmail.com

tel e whatsapp:   3516863826

STEFANO MORETTI
docente di recitazione e drammaturgia corso di teatro Phantom

StefanoMoretti0.jpg

Sono nato in una piccola cittadina di provincia, al confine tra il Piemonte e la Liguria.

Diplomato nel 2001 come attore alla scuola del Piccolo Teatro di Milano diretta da Luca Ronconi, frequenta il corso di perfezionamento per registi e attori del Centro Teatrale Santacristina e l’École des Maîtres diretta quell’anno da ricci/forte. Consegue la laura in Lettere e Filosofia presso l’Università di Genova e un dottorato di ricerca in letterature comparate presso l’Università di Torino. Nel 2010 vince il premio Hystrio come miglior attore under-35. Durante il suo percorso, collabora con Luca Ronconi per undici anni, partecipando alla messa in scena di quindici spettacoli da lui diretti. Altri incontri fondamentali sono quelli con artisti quali Judith Malina (The Living Theater), Marcel Marceau, Michele Abbondanza, Maria Consagra, Marco Angelilli, Oskaras Korsunovas, Sergio Blanco, Lisa Ferlazzo Natoli. Lavora come attore con diversi registi teatrali, tra cui Robert Carsen, Andrea Baracco, Jurij Ferrini, Franco Branciaroli e Matthew Lenton e cinematografici come Guido Chiesa, Michele Melchionda, Antonio e Marco Manetti. Nel 2015 contribuisce alla nascita di Saveria Project  a Bologna, collettivo che si dedica alla messa in scena di drammaturgia contemporanea e creazioni originali, lavorando sempre al confine tra narrazione teatrale e ricerca documentaria sulla realtà. Negli ultimi anni si avvicina alla scrittura per la scena e nel 2022 frequenta il corso di alta formazione per drammaturghi di Emilia Romagna Teatro Fondazione.